13 marzo, quattro anni di Papa Francesco: i ricordi dei fedeli

Attualità - 12 marzo 2017

fedeliRADIO VATICANA – Domani, 13 marzo, ricorre il quarto anniversario dell’elezione di Papa Francesco. Il Papa venuto “dalla fine del mondo”, ha conquistato il cuore dei fedeli parlando di misericordia e di attenzione agli ultimi. Ascoltiamo le testimonianze e i ricordi di alcuni pellegrini presenti questa mattina in Piazza San Pietro. Le interviste sono di Michele Raviart:

R. – Ho un ricordo fantastico, quando si è presentato da nuovo Papa e ha detto: “Signore, signori, buonasera”. Si è messo allo stesso livello di tutte le altre persone. Quello che mi colpisce è proprio la semplicità, la sua apertura alle persone povere.

R. – E’ il Papa che viene da lontano, dalle terre lontane dell’Argentina. Poi, il nome, in particolare, ricorda San Francesco. La prima cosa per la quale mi è piaciuto è che è voluto andare a Santa Marta, è stata una cosa bellissima. E’ un papa buono, mi ricorda un po’ Giovanni XXIII.

R. – Io ricordo perfettamente il discorso inaugurale, quando Papa Francesco non era per noi ancora nessuno e da subito con il primo discorso ci ha preso il cuore. Poi dopo è stato un crescendo e una conferma.

D. – Un discorso, un viaggio, un gesto che le rimasto impresso in questi 4 anni?

R. – A me sinceramente colpisce la sua bontà. Tra i giovani, secondo me, il Papa lascerà, spero fra 100 anni, un segno incolmabile!

R.  – La misericordia, la misericordia espressa da Papa Francesco verso tutti, indistintamente.

R. – Vederlo in una macchina utilitaria, vederlo semplice, penso sia la cosa più bella in assoluto per me, veramente una persona di casa, di famiglia.

R. – La cosa che mi ha colpito è la cena di Natale: ha aperto le porte alle persone bisognose. E’ vicino a noi, molto vicino a noi.

R. – Io lo ascolto sempre, tutte le domeniche, e cerco di essere a casa per mezzogiorno perché tutto quello che dice è semplice, ma vero ed efficace.

R. – E’ un grande uomo, che tra l’altro ha fatto avvicinare Cuba e gli Stati Uniti.

R. – Mi ha colpito e mi colpisce tutto quello che fa dal primo giorno fino ad ora.

D. – Che augurio si sente di fare per il resto del Pontificato?

R. –  Speriamo che rimanga con noi per molto tempo! E continui con questa sua idea di fratellanza.

R. – Che il suo Pontificato duri tanto e che la gente capisca che ci vuole bontà nel mondo e semplicità.

R. – Non dovrebbe mai andare via, mai, mai, mai! Dovrebbe vivere 1000 anni questo Papa!

Tags: