Malaysia. Spose a 9 anni? Per il Parlamento è normale

Attualità - 6 aprile 2017

AVVENIRE – In Malaysia una bambina di 9 può legittimamente sposarsi, o meglio essere concessa (è il caso di dirlo: come una regalia) in sposa. Nozze legali, dunque, e non violenza. La sconcertante presa di posizione è contenuta nella nuova legge anti pedofilia varata ieri dal parlamento di Kuala Lumpur, che ha evitato di condannare il fenomeno delle spose bambine.

«A 9 anni sono pronte: che c’è di male?»
Il parlamentare Tasek Gelugor, del partito di centrodestra Barisan Nasional (Fronte nazionale), ha affermato che a 9 anni le bambine sono “fisicamente e spiritualmente” pronte per il matrimonio. “Raggiungono la pubertà tra i 9 e i 12 anni” ha osservato. “A quell’età il loro corpo è simile a quello che avranno a 18 anni”. Si è spinto persino oltre: non c’è “nulla di male” se la vittima di uno stupro sposa il suo stupratore per evitare il biasimo. Parole che, diffuse sui social media, hanno fatto indignare mezzo mondo. E hanno spinto l’opposizione a chiedere le dimissioni dell’interessato.

Le novità della legge anti pedofilia
La nuova legge approvata ieri dal parlamento condanna la realizzazione e il possesso di materiale pedo-pornografico e istituisce un tribunale speciale per il crimine di pedofilia, al fine di accelerare i tempi dei processi. Chi commette reati sessuali con minori di 18 anni rischia fino a 30 anni di carcere e 6 frustate.

Per quanto riguarda il matrimonio, invece, restano in vigore norme e usanze. Sia per la legge civile che per quella islamica, in Malaysia è consentito sposarsi anche ai minori di 18 anni, maschi e femmine. Basta il permesso dell’autorità locale o del tribunale islamico.

Un caso che fece scalpore
Tra il 2012 e il luglio 2016 sono stati 12.987 i casi di abusi sessuali su minori, ma solo 140 le condanne. Dieci mesi fa ha destato scalpore la vicenda di Richard Huckle, un britannico condannato per avere abusato di circa 200 bambini, anche molto piccoli, e ragazzi soprattutto in Malaysia.

La soluzione choc: stuprare e sposare
“Ora la legge è più severa… ma non abbastanza” ha commentato la deputata di opposizione Teo Nie Ching, che chiedeva la messa al bando dei matrimoni con minorenni, fenomeno che riguarda soprattutto le bambine. Non sono rari i casi, ha ricordato, di stupratori che sposano le vittime per evitare di essere processati. Così le violenze possono proseguire, con il benestare della legge. E il parlamento lo chiama matrimonio.

Tags: