Il Papa nella Chiesa anglicana All Saints: “Pregare insieme il Vangelo della carità”

News - 26 febbraio 2017

IMG_6726RADIO VATICANA – Oggi pomeriggio l’abbraccio a Papa Francesco della comunità anglicana di Roma. Il Pontefice è stato accolto nella chiesa di Ognissanti, nell’ambito delle celebrazioni per il bicentenario della creazione della chiesa di Via del Babbuino: una tappa importante per il dialogo ecumenico tra cattolici e anglicani. Nel corso della visita Francesco ha benedetto la nuova icona di Cristo Salvatore.

Cattolici e anglicani, fratelli e sorelle in Cristo
Dopo il benvenuto ricevuto dal reverendo Johnathan Boardman e del vescovo Robert Innes, che hanno messo in evidenza gli incontri tra i Pontefici del recente passato e la comunità anglicana, il ringraziamento di Papa Francesco per l’invito. Il Santo Padre ha ricordato che “sono trascorsi più di duecento anni da quando si tenne a Roma il primo servizio liturgico pubblico anglicano”. Francesco sottolinea come “nel corso di questi due secoli molto è cambiato tra Anglicani e Cattolici, che nel passato si guardavano con sospetto e ostilità; oggi, grazie a Dio, ci riconosciamo come veramente siamo: fratelli e sorelle in Cristo, mediante il nostro comune battesimo” e “desideriamo camminare insieme, seguire insieme il nostro Signore Gesù Cristo”. E proprio Cristo ha rivolto agli Apostoli e a tutti noi una chiamata, un appello: “Sei pronto a lasciare qualcosa del tuo passato per me? Vuoi essere messaggero del mio amore, della mia misericordia?”.
Un cammino comune all’insegna della misericordia
La misericordia divina – ricorda il Papa – è la sorgente di tutto il ministero cristiano. Grazie a questa particolare visione, l’Apostolo Paolo riuscì a superare le divergenze all’interno della comunità di Corinto, vivendo il suo ministero secondo la misericordia ricevuta, unico modo per intraprendere la via della riconciliazione. Ciò che ha fatto Paolo – dice Francesco – è quanto dobbiamo fare noi, nelle nostre comunità di cristiani battezzati, quando ci troviamo di fronte a disaccordi. La misericordia, unita all’umiltà, come Paolo, ci consente di annunciare Cristo Gesù Signore. “Diventare umili è decentrarsi, riconoscersi bisognosi di Dio, mendicanti di misericordia: è il punto di partenza – dice Papa Francesco – perché sia Dio a operare. E in proposito il Pontefice prendendo spunto da una celebre frase di San Paolo, afferma: “Siamo solo vasi di creta, ma custodiamo dentro di noi il più grande tesoro del mondo”, che vuol dire riconoscersi fragili peccatori, ma aprirsi alla misericordia di Dio e alle su meraviglie. “Se riconosciamo la nostra debolezza e chiediamo perdono – continua il Papa – allora la misericordia risanatrice di Dio risplenderà dentro di noi e sarà pure visibile al di fuori; gli altri avvertiranno in qualche modo, tramite noi, la bellezza gentile del volto di Cristo”.
Pregare insieme il Vangelo della carità
“Cattolici e Anglicani – esorta Francesco – siamo umilmente grati perché, dopo secoli di reciproca diffidenza, siamo ora in grado di riconoscere che la feconda grazia di Cristo è all’opera anche negli altri. Ringraziamo il Signore perché tra i cristiani è cresciuto il desiderio di una maggiore vicinanza, che si manifesta nel pregare insieme e nella comune testimonianza al Vangelo. A volte, il progresso nel cammino verso la piena comunione può apparire lento e incerto, ma oggi possiamo trarre incoraggiamento dal nostro incontro. Per la prima volta un Vescovo di Roma visita la vostra comunità. È una grazia e anche una responsabilità: la responsabilità di rafforzare le nostre relazioni a lode di Cristo, a servizio del Vangelo e di questa città”.
Abbandonare i pregiudizi del passato per diventare fedeli discepoli di Gesù
Infine ancora un incoraggiamento di Francesco a cattolici e anglicani a diventare discepoli sempre più fedeli di Gesù, sempre più liberi dai rispettivi pregiudizi del passato e sempre più desiderosi di pregare per e con gli altri. Un bel segno di questa volontà è il “gemellaggio” realizzato tra la vostra parrocchia di All Saints e quella cattolica di Ognissanti. I Santi di ogni confessione cristiana, pienamente uniti nella Gerusalemme di lassù, ci aprano la via per percorrere quaggiù tutte le possibili vie di un cammino cristiano fraterno e comune. Dove ci si riunisce nel nome di Gesù, Egli è lì (cfr Mt 18,20), e rivolgendo il suo sguardo di misericordia chiama a spendersi per l’unità e per l’amore. Che il volto di Dio splenda su di voi, sulle vostre famiglie e su tutta questa comunità!

Tags: